Illustrator: ricalco dinamico, come farlo e quando

---

Passare da un’immagine jpg a una vettoriale è una necessità se desideriamo modificarla, ingrandirla, senza perdere di qualità oppure se dobbiamo inviarla ad un cliente o ancora stamparla.

Come fare dunque a passare da un Raster ad un’immagine vettoriale? Illustrator ci offre diverse possibilità, la più rapida e semplice è sicuramente il ricalco dimanico.

Ricalco dinamico: Cos’è?

Attraverso questo comando il software riproduce automaticamente le forme dell’immagine raster, evitandoci il più complesso compito di ripassarla a mano attraverso altri strumenti. Ovviamente la riproduzione automatica non potrà mai essere precisa e pulita quanto il ricalco manuale a penna, perciò, dopo aver compreso il suo funzionamento, è bene individuare correttamente i casi in cui il ricalco dinamico può essere d’aiuto e quelli in cui invece non lo è.

Ricalco dinamico: Come fare.

Iniziamo a vederne il funzionamento e come fare ad eseguirlo.

Prima di tutto lanciate Illustrator e aprite un nuovo progetto con i comandi FILE ➺ NUOVO. Si aprirà una schermata in cui è possibile impostare i settaggi base del nuovo foglio, decidiamo un titolo (ad esempio “logo”), impostiamo le dimensioni e scegliamo il profilo adatto (nel nostro caso “web”). Ricordatevi di settare i colori in modo corretto, RGB per il web e CMYK per la stampa.
illustrator ricalco dinamico
Importate l’immagine jpg che volete trasformare usando FILE ➺ APRI oppure semplicemente TRASCINANDO IL FILE nella finestra di Illustrator.

Ora passiamo al ricalco vero e proprio! Con lo strumento selezione, che trovate in alto a sinistra o che potete richiamare usando i comandi da tastiera CTRL + V , selezionate l’immagine.
illustrator ricalco dinamico
Controllate quindi che il livello non sia bloccato aprendo l’apposito pannello che trovate sulla vostra destra, se è così sbloccatelo.
illustrator ricalco dinamico

A questo punto aprite la finestra di ricalco attraverso i comandi FINESTRA ➺ RICALCO IMMAGINE. Se siete in presenza di un immagine in bianco e nero scegliete MODO: bianco e nero, se, come in questo caso, avete colori scegliete MODO: colore. Quando vi trovate in presenza di un jpg molto semplice, magari completamente nero, potete spuntare IGNORA BIANCO che si trova nelle impostazioni avanzate, in tutti gli altri casi invece non fatelo, il rischio è quello di alterare i colori.

Come vedete la finestra presenta molti altri parametri, se volete potete divertirvi a cambiarli e scegliere i migliori per ogni situazione.
illustrator ricalco dinamico

Una volta definiti i settaggi cliccate su RICALCA e il gioco è fatto! Ora potete modificare ed esportare l’immagine in .png, .pdf oppure salvarla come file di Illustrator (.ai).
illustrator ricalco dinamico

Ricalco dinamico: Quando usarlo.

Provate dunque ad eseguire un ricalco dinamico importando prima un logo molto semplice, magari in bianco e nero, e poi un immagine complessa. Quali sono i risultati? La precisione è sufficiente in entrambi i casi?

Ciò che probabilmente ne potrete trarre è che questo comando non è molto preciso in presenza di forme irregolari, sfondi e grandi varietà di colori. Affidatevi ad esso solo se vi trovate in presenza di immagini molto semplici o se, al contrario, volete una base da cui partire per riprodurre immagini complesse sulle quali dovrete poi applicare diversi strumenti.

Volete imparare a trasformare anche le immagini e i loghi più elaborati? Oppure vi ispira l’idea di crearli voi stessi? In questo caso il modo giusto per iniziare è Il corso di ILLUSTRATOR.