Il decreto BIM entra in vigore

business-2717427_1920

È entrato in vigore ieri (29 Gennaio 2018), trascorsi 15 giorni dalla pubblicazione sul sito del MIT, il decreto ministeriale 1 dicembre 2017, n. 560 in tema di appalti pubblici che renderà obbligatorio l’uso della metodologia Building Information Modeling per la partecipazione ai conocorsi pubblici.

Entrata in vigore graduale

I progetti BIM diventeranno gradualmente obbligatori il 1 gennaio 2019 per quelli che nel testo del decreto vengono definiti come lavori complessi (così vengono indicati i lavori del valore superiore a 100 milioni di euro). Saranno invece obbligatori per i lavori di valore inferiore a 1 milione di euro dopo il 2025.

Attenzione però, le stazioni appaltanti potranno chiedere di rispettare i nuovi requisiti anche prima del gennaio 2018!

Non solo software

È molto importante ricordare che la metodologia BIM non si esaurisce esclusivamente attraverso l’utilizzo dei software che la supportano, ma anche tramite una completa metodologia di progettazione integrata, ed è proprio questo l’obiettivo del decreto ministeriale.

Per questo motivo lo studio della metodologia BIM deve partire dallo studio del software, che rimane comunque uno strumento fondamentale, ma concentrarsi poi su una vera e propria impostazione progettuale.

Se vuoi approfondire l’argomento clicca qui

Scopri i nostri corsi su Revit e il BIM

Leggi il decreto sul sito del MIT

Clicca sulla busta bianca, ti diremo quando ci sarà una risposta al tuo commento! ↘️

Non ci sono ancora commenti