Microsoft Excel: i segreti delle formule

ccc

Excel è il software per la creazione e gestione di fogli di calcolo più diffuso ed efficiente. Purtroppo però non basta che un sistema sia efficiente per dare buoni risultati, è necessario infatti che l’utente lo conosca e lo sappia usare al meglio. 

Tra le funzionalità più importanti del software Microsoft si trova la possibilità di creare formule, ovvero la combinazione delle funzioni messe a disposizione da Excel. Esse ci permettono di rendere automatici calcoli, confronti e moltissime altre operazioni quotidiane (non solo nella vita del professionista).

Perché allora perdere tempo dietro a processi che potrebbero essere facilmente demandati al programma? La risposta è semplice, perché non sappiamo come fare! Ecco allora un semplice vademecum delle più importanti e pratiche formule Excel da tenere sempre a portata di mano!

Importantissimo

Prima di iniziare ricordate che:

  • le formule iniziano sempre con il segno “=”
  • le parentesi tonde vanno sempre chiuse e aperte
  • i valori si inseriscono con il nome della cella (es. A5; B6) e separati da “;”
  • i numeri NON devono avere formattazione, perciò non inserite ad esempio il segno della valuta (€) ma selezionate la cella e tra le impostazioni scegliete “formato cella” “Valuta”

Come procedere: selezionate la cella in cui visualizzare il risultato e scrivete le formule

Funzioni matematiche

Somma, sottrai, dividi, moltiplica

Preparare un foglio di calcolo in modo che due o più celle restituiscano una somma o una divisione è utile quando ci troviamo in presenza di dati che cambiano e vogliamo essere certi di ottenere sempre il totale corretto.

Somma: =SOMMA(nomecella1;nomecella2;nomecella3) oppure =nomecella1+nomecella2

Divisione: =QUOZIENTE(nomecella1;nomecella2;nomecella3) oppure =nomecella1/nomecella2

Moltiplicazione: =PRODOTTO(nomecella1;nomecella2;nomecella3) oppure =nomecella1*nomecella2

Somma se: (per sommare quando i valori corrispondono solo a determinate condizioni) =SOMMA.SE(nomecella1:nomecella2;”condizione”), ad esempio la condizione “somma se i valori compresi fra A1 e F1 sono maggiori di 10” viene scritta così: =SOMMA.SE(A1:F1;”>10”)

Piccolo suggerimento: se volete il risultato di un intervallo di celle non usate “;” come separatore ma usate “:”

Elevare a potenza

Molto più difficile da fare a mente sono le potenze, ecco come farle fare a Excel:

=POTENZA(nomecella1;valore della potenza)

Piccolo suggerimento: per non usare la formula completa potete usare il segno”^” es. 5^2

Funzioni finanziarie

Calcolare gli interessi

Se vogliamo ad esempio calcolare lì’ammontare degli interessi di un mutuo  scriveremo così: =INTERESSI(tasso di interesse; periodo; val_attuale; [tipo]) dove il tipo è facoltativo e corrisponde a 0 se viene pagato a inizio periodo e a 1 se viene pagato a fine periodo. I valori si troveranno nelle varie celle e dunque la formula risulterà così: es. =INTERESSI(A1; B1; C3;)

Piccolo suggerimento: con i numeri negativi vengono indicati gli esborsi.

Funzioni logiche

Questo gruppo di funzioni serve principalmente a validare un risultato e controllare la presenza di errori

Vero o Falso

Queste funzioni non si esprimono attraverso delle formule, ovvero si dice che non hanno argomenti, semplicemente si digita vero o falso sul foglio e hanno lo scopo di fornire un’indicazione quando si inserisce il foglio Excel su altri strumenti o software.

E

Questa funzione risponde vero o falso a seconda del dato e si compone così: =E(logico1;logico2). Ad esempio l’affermazione “il valore della cella A1 è maggiore del valore di B1?” si scriverà: =E(A1>B1)

Ma non solo…

Queste e altre funzioni si possono combinare per eseguire in automatico i processi quotidiani come ad esempio il calcolo del costo di un prodotto, che spieghiamo come fare QUI, oppure lo scorporo dell’IVA. Per scoprire cosa è possibile fare con Excel vi basta vedere gratuitamente la prima lezione del nostro corso online QUI!